Broncopneumopatia cronica e musicoterapia

Broncopneumopatia cronica e musicoterapiaBroncopneumopatia cronica e musicoterapia. Niente paura ora spiego  con calma. La broncopneumopatia cronica è un’affezione cronica polmonare caratterizzata da una ostruzione bronchiale, con limitazione del flusso aereo solo parzialmente o per nulla reversibile, lentamente progressiva, causata da un’infiammazione cronica delle vie aeree e del parenchima polmonare.Per tutti quei pazienti che soffrono di ostruzione cronica polmonare o di altri disturbi cronici che interessano l’apparato respiratorio c’è una buona notizia: se  oltre alla pratica riabilitatoria standard fanno anche musicoterapia, vedranno una riduzione dei sintomi e un aumento dello stato psicologico di benessere e della qualità della loro vita rispetto ai pazienti con Broncopneumopatia cronica che si sottopongono solo alla riabilitazione tradizionale.
I risultati dello studio, pubblicato nel Volume 109, Numero 12, del mese di dicembre 2015, a pagina 1495-1594 nella rivista Respiratory Medicine, suggeriscono che la musicoterapia può essere un’aggiunta efficace al trattamento tradizionale. Questo nuovo studio randomizzato controllato ha coinvolto 68 partecipanti tutti con diagnosi di disturbi cronici che interessano l’apparato respiratorio compresa la broncopneumopatia cronica. Durante le sei settimane un gruppo randomizzato di questi pazienti ha partecipato settimanalmente a delle sessioni di musicoterapia. All’interno di ogni sessione venivano proposte attività di musica dal vivo, visualizzazioni  guidate con musica, attività sonora con strumenti a fiato e canto abbinato a tecniche di controllo della respirazione. Musicoterapisti certificati offrivano inoltre attività di psicoterapia musicale, per la precisione questo approccio è definito come multimodal psycho-music therapy intervention che potremmo tradurre come intervento multimodale di psico-musicoterapia . Le sessioni di musicoterapia prevedevano la scelta di musiche preferite dai pazienti al fine di incoraggiare l’auto espressione, aumentare la partecipazione alle attività terapeutiche oltre che fornire un’opportunità per affrontare con rinnovata energia le sfide che una malattia cronica sempre si porta dietro.
Secondo i ricercatori del  The Louis Armstrong Center of Music and Medicine at Mount Sinai Beth Israel (MSBI) la broncopneumopatia cronica è la quarta causa di morte negli Stati Uniti e in Europa.  I sintomi principali sono dispnea, tosse e produzione di espettorato. La maggior parte delle persone affette da bronchite cronica hanno la broncopneumopatia cronica.
Intervistato sull’argomento, Jonathan Raskin, coautore dello studio e Direttore del Alice Lawrence Center for Health and Rehabilitation at MSBI commenta: “E’ emerso che il trattamento musicoterapico è un componente essenziale per integrare l’approccio nella gestione delle affezioni respiratorie croniche. I risultati di questo studio offrono una giustificazione più che sufficiente per determinare l’inserimento della musicoterapia come parte della riabilitazione polmonare tradizionale.” Broncopneumopatia cronica e musicoterapia possono quindi da oggi considerarsi un binomio da utilizzare quando dobbiamo dimostrare che l’applicazione della musica in contesti clinico medici ha la possibilità di mettere sul tavolo referenze che superano il semplice resoconto aneddotico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *